Canale Telegram…

UnTipografoinCucina_blog 🍳🍝🥗🥘
Scrivo della mia cucina, del piacere che provo nel praticarla e di qualche parentesi di vita quotidiana…

“IN CERTI MOMENTI DELLA VITA, AVERE UNA PASSIONE E POTERLA COLTIVARE, NON HA PREZZO!”

Questo è il link diretto al canale Telegram che contiene gli articoli del blog, più qualche piccolo contenuto legato ad Istagram e piccoli pensieri di scorrevole lettura:

https://t.me/untipografoincucina

La cucina e il gatto…

La cucina nuova è arrivata, proprio in tempo per accogliere Covid19… Bastardo virus che ci hai sconquassato le vite (parlo per me, che fortunatamente non ho ancora incontrato Covid19 personalmente). In questo periodo, tanto oscuro, quanto surreale della nostra esistenza sulla terra, trovo difficile chiudere porte e finestre al mondo, per tuffarmi nella cucina con piacere.
Tantomeno spammare frasi, buoniste e pensieri positivi cool in tutti i social network. È sopraggiunta una coltre di tristezza che mi porta a fare tutto, meno che condividere vignette scherzose sul Covid19, giusto per farsi una risata. Perché alla faccia della mia risata, c’è gente che rischia la vita per salvaguardare quella altrui, e c’è chi la vita l’ha persa in pochi giorni. Quindi no, non voglio ridere o cantare fuori dal balcone o postare selfie su instagram. Preferisco vivere questo velo di tristezza sperando che passi velocemente e consapevole che la vita, dopo, cambierà per tutti. Dovrà esserci una consapevolezza diversa rispetto a prima. Quindi ci godiamo la nostra cucina nuova in sordina, mah… C’è un mah!

Il gatto grigio, Mew, lui sì che si gode la nuova cucina! Su questo mi piace ridere invece, sul gatto strano che ha invaso la nostra casa perché probabilmente, dove viveva prima, non si sentiva a suo agio. Un pó “squilibrato” al suo arrivo, si è adattato più o meno, come tutti i gatti, al nostro stile di vita. È diventato padrone tanto quanto gli altri due! Quindi benvenuta cucina, tante nuove ricette prepareremo insieme, con felicità e, ovviamente, in semplicità come sempre. Ci regaleremo molto presto nuovi, bellissimi momenti conviviali con parenti e amici. Un futuro che estendo con tutto me stesso a tutti coloro che stanno soffrendo questa brutta situazione di questi mesi.

BUONA VITA!

Mazzancolle stufate con contorno a piacere.

Ingredienti per 4 persone:

  • g 400 mazzancolle pulite e private di testa e coda
  • acqua q.b.
  • due spicchi di aglio
  • ml 400 passata di pomodoro
  • prezzemolo tritato
  • marsala dolce q.b.
  • sale
  • pepe
  • dragoncello

Contorno a piacere, meglio se preparato con cottura al forno e poco condimento. In questo caso si è trattato di zucchine ben lavate, affettate molto finemente e cotte al forno con pochissimo olio e sale. Mescolando di tanto in tanto, a 120° per circa 15 minuti.

Lavare bene le mazzancolle, asciugarle grossolanamente, pelare gli spicchi di aglio e farli soffriggere a fuoco lento con le mazzancolle che prenderanno gusto, per qualche minuto. Togliere gli spicchi di aglio, sfumare col marsala dolce. Quando il marsala sarà consumato, aggiungere il prezzemolo tritato.

Come ultima fase, aggiungere la passata di pomodoro e lasciare cuocere per circa 15/20 minuti, mescolando di tanto in tanto. Aggiungere sale, pepe e dragoncello, a piacimento ma senza esagerare con quest’ultimo ed attendere che la passata raggiunga una certa consistenza. Potrebbe risultare spiacevole come sapore in retrogusto.

Servire con contorno a piacimento, impiattare e…

BUON APPETITO!

Linguine speck e melanzane…

Ingredienti per 4 persone:

  • g 360/380 di linguine
  • una cipolla bianca
  • un cucchiaio di olio da frittura
  • g 160/180 di speck tagliato a listarelle
  • 15 melanzane perline
  • vino rosso q.b.
  • sale
  • pepe
  • rosmarino
  • timo

Mettere sul fuoco l’acqua di cottura per la pasta, a parte lavare e mondare le melanzane, tagliarle a cubetti o anelli regolari. Pelare e tritare finemente una cipolla bianca, farla soffriggere in un cucchiaio di olio da frittura, a fuoco lento. A cipolla dorata, aggiungere lo speck e lasciar prendere colore ed insaporire per qualche minuto. Sfumare col vino rosso e quando l’alcool è consumato aggiungere le melanzane tagliate a piacere.

Aggiungere un bicchiere di acqua e lasciarla consumare, mescolando di tanto in tanto. Salare l’acqua di cottura per la pasta, nel frattempo avrà raggiunto bollore, buttare la pasta. Aggiungere le spezie alla salsa, sale, pepe e lasciar amalgamare i sapori per qualche minuto ancora. Colare la pasta a cottura leggermente al dente, direttamente nella salsa, mantecare aggiungendo mezzo bicchiere della sua acqua di cottura. Impiattare a piacimento e…

BUON APPETITO!

 

Risotto ai funghi porcini e zafferano 2.0…

Ingredienti per 4 persone:

  • g 360/380 Riso Gloria con lavorazione di secondo grado di “Riso in Fiore
  • due scalogni
  • g 40 funghi porcini essiccati
  • L 2,5 di brodo vegetale (o acqua e un dado)
  • 6 stami o una bustina di zafferano
  • g 60 di burro
  • olio EVO q.b.
  • vino bianco q.b.
  • sale 
  • pepe
  • parmigiano grattugiato a piacere

Mettere i funghi porcini a bagno in acqua fredda la sera prima di preparare il risotto oppure poche ore prima, i funghi acquisteranno volume ed aroma. Prima del loro utilizzo occorre colarli e lavarli sotto acqua corrente per eliminare i residui di terra. Col brodo in caldo, pelare gli scalogni e farne un soffritto in poco olio e a fuoco lento.

Aggiungere il riso e farlo tostare per qualche minuto, a fiamma viva, mescolando frequentemente. Sfumare il riso col vino bianco e cominciare la cottura col brodo, a fiamma media, aggiungendo i funghi.

A parte mettere a bagno lo zafferano in una tazzina da caffè di brodo caldo, mescolare bene con un cucchiaino e mettere da parte.

Versare il brodo con lo zafferano nel riso e mescolare molto bene per fare prendere colore. Aggiungere brodo fino a cottura quasi completata, circa 17/19 minuti, sale, pepe. Togliere dal fuoco e mantecare con burro e parmigiano grattugiato e…

BUON APPETITO!

 

Risotto al tartufo bianco (senza rosso d’uovo)…

Ingredienti per 4 persone:

  • g 360/380 riso Riso Gloria con lavorazione di secondo grado di Riso in Fiore
  • due scalogni
  • g 60 di burro o margarina
  • olio EVO q.b.
  • L 2,5 di brodo vegetale (o acqua e un dado)
  • un tartufo bianco di almeno g 40
  • vino bianco q.b.
  • sale
  • pepe

Prima di utilizzare il tartufo bisogna privarlo accuratamente dalla terra, ma molto delicatamente. In caso di non completo utilizzo occorre conservarlo in frigo, avvolto con un foglio di carta da cucina che andrà sostituito ogni giorno, all’interno di un recipiente di vetro. Consumato in ogni caso, entro poco tempo. Per la pulizia del tartufo si possono utilizzare spazzole con setole non troppo forti e, la punta di un coltello ricurvo, per i punti più difficili da raggiungere. All’occorrenza, nel recipiente dove si conserverà il tartufo si possono posizionare una o due uova, acquisteranno un piacevole retrogusto in post cottura. Anche la grattuggia dovrà essere adeguata al tartufo, quelle di uso comune sono inadatte allo svolgimento di questa operazione.

Preparare il brodo e tenerlo in caldo, pelare gli scalogni, farne un trito sottile in due cucchiai di olio EVO, a fuoco lento. Lasciare insaporire per 2 o 3 minuti, aggiungere il riso alzando la fiamma e lasciarlo tostare per qualche minuto, mescolando continuamente. Sfumare quindi col vino bianco e, mescolando accuratamente, quando quest’ultimo sarà evaporato, portare a cottura col brodo in abbondanza. Sempre mescolando con cura.

Per la cottura si dovrà attendere tra i 17 e i 19 minuti per questo riso di categoria “Lungo A”, dall’ottima tenuta di cottura e dalle elevate qualità nutrizionali. Aggiungere sale e pepe, togliere dal fuoco a cottura raggiunta, mantecare con burro o margarina (in caso di intolleranza al lattosio o dieta vegana). Impiattare con una grattugiata di tartufo a piacimento.

BUON APPETITO!

Intervista per Caterina di “iltuoannozero.com”

Nella vita può capitare di inciampare su gradini inaspettati, quando e se questo succede bisogna essere preparati, perché non tutti i gradini sono alti uguali e non sempre si mantiene l’equilibrio.

La mia esperienza di vita mi porta spesso a rinvangare il passato per sminuire problemi quotidiani, paragonandoli a situazioni vissute e superate. Un passato non più recente ma neanche troppo lontano per essere totalmente cancellato dalla mia memoria e da chi ha vissuto “la mia storia” insieme a me, donandomi forza e conforto per giungere al finale positivo che è stato.

Oggi, a distanza di sette anni dall’ evento che tanti conoscono, ho incontrato le pagine del blog “IL TUO ANNO ZERO“, di Caterina Centenari, pagine dove si legge di positività. Caterina si è scrollata di dosso i problemi che l’hanno portata al suo “ANNO ZERO”, fatta mente locale sulla sua qualità della vita, ha trovato le soluzioni giuste per ritrovare la serenità. Successivamente ha fatto in modo, attraverso le pagine ed i contenuti del suo blog, di donare spunti a chi, come me e tante altre persone, ha raggiunto il suo “ANNO ZERO”. Il momento della rinascita e della ripartenza.

 

Caterina mi ha proposto una interessante e motivante intervista per raccontare la mia storia, il mio “ANNO ZERO”. Ne abbiamo parlato, ci abbiamo lavorato ed ecco qui il risultato, per me positivo e gratificante.

Il link alla mia intervista lo troverete qui: “IL TUO ANNO ZERO

Potete leggere gli interessanti contenuti e le altre interviste di Caterina su “IL TUO ANNO ZERO“, trovate il link di riferimento sulle pagine del mio blog.

Oppure seguite le novità dalla sua pagina facebook al link seguente: “IL TUO ANNO ZERO

BUONA LETTURA!

Carote saltate al vino…

Ingredienti per 4 persone:

  • 5 o 6 carote di medie dimensioni
  • soffritto misto
  • vino bianco q.b.
  • un dado vegetale
  • sale
  • pepe
  • 2 bicchieri di acqua
  • prezzemolo tritato
  • dragoncello
  • 3 cucchiai di olio di oliva

Lavare, pelare e tagliare le carote a rondelle (circa 3 mm di spessore). Preparare un trito di cipolla (o scalogno), sedano e carote, lasciare insaporire a fuoco lento per qualche minuto. Aggiungere le carote, alzare la fiamma, farle saltare col soffritto per qualche minuto a fiamma viva, sfumare col vino bianco. 

 

Lasciarlo evaporare, aggiungere il prezzemolo tritato e portare a cottura con l’acqua e il dado, aggiungere a metà cottura il dragoncello, sale e pepe. Servire accompagnando una pietanza a piacimento e…

BUON APPETITO!

Sovracosce di pollo e pomodorini in umido…

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 sovracosce di pollo disossate
  • soffritto misto
  • g 200 di pomodori ciliegini
  • olio EVO q.b.
  • un dado di carne
  • vino bianco q.b.
  • origano
  • due bicchieri di acqua
  • sale 
  • pepe

Preparare un soffritto misto in poco olio EVO, lasciare appassire le verdurine per qualche minuto a fuoco lento quin di aggiungere le sovracosce di pollo disossate e farle colorire alzando un poco la fiamma. A parte lavare i pomodorini, tagliarli a metà e metterli da parte. Girare il pollo, sfumare col vino bianco. A vino consumato unire al pollo i pomodori precedentemente trattati, mescolare, aggiungere un dado, due bicchieri di acqua, origano e lasciar cuocere a fuoco lento per circa 20 minuti  coprendo con un coperchio.

Aggiungere sale e pepe, impiattare a piacimento e…

BUON APPETITO!

 

 

Peperoni ammazzari e patate…

Ingredienti per 4 persone:

  • tre peperoni di indifferente colore
  • due patate di medie dimensioni
  • vino bianco q.b.
  • olio di oliva
  • un dado
  • due scalogni
  • sale
  • pepe
  • acqua q.b.

Pelare gli scalogni, affettarli finemente e farne un soffritto in olio di oliva, lasciarli appassire a fuoco lento per qualche minuto. A parte lavare, pelare e tagliare le patate a listarelle. Riporle in acqua fredda (altrimenti ossiderebbero). Lavare i peperoni, privarli dei semi e farne delle liste di poco più larghe.

Aggiungere le patate al soffritto di scalogni e lasciare insaporire per qualche minuto, aggiungere anche i peperoni e, a fiamma alta, far saltare il tutto mescolando velocemente per due o tre minuti.

Tornare a fuoco lento, aggiungere il dado spezzettando quà e là, sfumare col vino bianco, attendere che consumi quindi portare a cottura aggiungendo uno o due bicchieri di acqua (in base alla consistenza che si intende far raggiungere ai peperoni). 

Aggiungere sale e pepe quindi servire con la pietanza preferita, impiattare a piacimento e…

BUON APPETITO!

 

 

Risotto robiola e granella di nocciole…

Ingredienti per 4 persone:

  • g 360/380 riso Carnaroli “gli Aironi”
  • due scalogni
  • olio EVO q.b.
  • g 200 robiola
  • vino bianco q.b.
  • L 2,5 di brodo vegetale (o acqua e un dado)
  • g 150 nocciole pestate
  • sale
  • pepe
  • parmigiano a piacere

Preparare precedentemente il brodo vegetale con acqua e verdure adeguate o mettere in caldo acqua e dado. A parte tritare le nocciole già sgusciate, pelare gli scalogni e farne un soffritto in olio EVO (solo con gli scalogni). A fuoco basso lasciare appassire il soffritto ed unirvi il riso dopo qualche minuto insieme alle nocciole tritate. Farli ben tostare a fiamma viva. Sfumare col vino bianco quindi aggiungere la robiola, farla ben sciogliere ed amalgamare. 

Portare quindi il riso a cottura con l’aggiunta del brodo, mescolando accuratamente. Salare, pepare ed a cottura raggiunta, togliere dal fuoco. Mantecare con parmigiano grattugiato a piacere. (L’aggiunta del burro nella mantecatura in questo caso e per mia scelta di gusto personale, ho preferito evitarla data la presenza della robiola). Impiattare a piacimento e…

BUON APPETITO!

 

 

Torta alle prugne, gluten free…

Dolce di facile preparazione anche per un neofita come me, prodotti genuini (vedi le prugne Stanley di produzione propria e la farina di riso gloria semi integrale macinata a pietra. Circa 30 minuti di preparazione e 45/50 di cottura ed il gioco è fatto!

Ingredienti per una tortiera da 24 cm di diametro:

  • g 300 prugne (senza nocciolo) + g 50 da incorporare nell’impasto
  • 100 ml olio di semi di girasole
  • 100 ml latte di mandorla
  • g 300 farina di riso gloria semi integrale macinata a pietra
  • g 200 zucchero semolato
  • una bustina di lievito per dolci
  • 3 uova intere
  • zucchero di canna q.b.

Lavare bene le prugne, tagliarle a metà, eliminare il nocciolo e farne degli spicchi per g 300 più o meno uguali di spessore, la rimanenza tagliarla a cubetti.

A parte montare le uova intere con lo zucchero fino ad ottenere un preparato spumoso ed aggiungere in ordine:

  1. olio di semi
  2. latte di mandorla
  3. farina di riso (NON SETACCIATA)
  4. lievito
  5. g 50 di prugne a cubetti

Una volta amalgamati tutti gli ingredienti ed ottenuto un preparato di una certa corposità, versare il composto in una tortiera da 24 cm rivestita con carta da forno (oppure oliata e ben infarinata).

Disporre in superficie gli spicchi di prugna in modo regolare, cospargere con zucchero di canna ed infornare a 180 gradi per 45/50 minuti in forno statico preriscaldato. Tolta dal forno, lasciare intiepidire, sformare e servire a piacere.

BUON APPETITO!

 

 

 

Filetto di trota salmonata al vino…

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 filetti di trota salmonata
  • trito di aglio
  • g 250 di insalata
  • vino rosso q.b.
  • olio EVO q.b.
  • 12 pomodori datterini
  • sale
  • pepe
  • timo

Quando l’estate incalza e le ferie si avvicinano, scoppia l’era dei piatti freddi, delle insalate e di tutte quelle ricette “svuota frigo” che non necessariamente necessitano di cotture e spadellamenti vari.

In questo caso cottura molto leggera, pochi ingredienti, tempi veloci di preparazione. Il tutto senza rinunciare al gusto ed al piacere di mangiare anche quando fa troppo caldo!

Preparare un trito con l’aglio, lavare ed affettare i pomodori, lavare e tagliare l’insalata. Fare soffriggere l’aglio in un cucchiaio di olio ed a fuoco lento, aggiungere i filetti dalla parte della polpa. Girarli dopo 5 minuti circa, sfumare con poco vino, salare il giusto, aggiungere timo e pepe. Girare i filetti due o tre volte nell’arco del tempo di cottura evitando di romperli.

Quando il vino è consumato, togliere dal fuoco ed eliminare la pelle dalla polpa, preparare l’insalata ed impiattare a piacimento.  

BUON APPETITO!

Risotto ai pomodori e filetti di alici…

Ingredienti per 4 persone:

  • g 360/380 riso Carnaroli “gli Aironi”
  • una cipolla rossa
  • olio EVO q.b.
  • 12 pomodori datterini (4 per colore)
  • 4 filetti di alici
  • g 80 burro 
  • vino bianco q.b.
  • 6/7 foglie di basilico
  • origano
  • sale
  • pepe
  • L 2,5 di brodo vegetale (o acqua e dado)
  • parmigiano a piacere

Preparare precedentemente il brodo o mettere in caldo l’acqua per il dado. Lavare i pomodorini, tagliarli a cubetti e metterli da parte. Lavare e pelare la cipolla, affettarla finemente e farne un soffritto con olio EVO.

Quando la cipolla sarà appassita a fuoco lento, gettare in padella il riso e farlo tostare per qualche minuto alzando la fiamma. Sfumare col vino bianco ed aggiungere successivamente i pomodori a cubetti. Portare a cottura col brodo.

Salare durante la cottura, aggiungere i filetti di alici (si scioglieranno), origano e foglie di basilico. Seguire la cottura mescolando frequentemente. Quando il riso è al dente, togliere dal fuoco e mantecare col burro (per chi vuole anche col parmigiano, sconsigliato vista la presenza del pesce).

Impiattare a piacimento e…

BUON APPETITO!

 

 

 

Torta salata alle coste…

Ingredienti per teglia da 20 cm di diametro:

  • due uova intere
  • acqua q.b.
  • 2 spicchi di aglio
  • olio da frittura due cucchiai
  • coste 500 g circa di coste
  • vino bianco q.b.
  • sale
  • pepe
  • una confezione di pasta brisée tonda
  • una manciata di formaggio grattugiato di origine vegetale

Torta salata di facile preparazione, per menu vegetariano e diversificabile in mille modi differenti.

Pulire le foglie della costa singolarmente e farle sbollentare per 5 minuti circa, colarle, asciugarle bene in un panno pulito, tagliarle grossolanamente a rettangoli irregolari e farle saltare in un soffritto di olio ed aglio. sfumare col vino bianco e lasciare su fuoco lento fino a ché il liquido sarà evaporato.

Portare il tutto in frullatore, far lavorare le lame fino ad ottenere un composto omogeneo ed abbastanza denso. A poco a poco incorporare gli altri ingredienti senza esagerare col pepe e preriscaldare il forno a 180° con funzione ventilazione. Pulire una teglia da 20 cm di diametro, rivestirla con un foglio di carta da forno, srotolare la pasta, tirarla, riporla nella teglia e forarla con una forchetta. Versare quindi al suo interno il composto precedentemente preparato, abbassare i bordi ed infornare per circa 40 minuti a 180°.

A cottura ultimata, affettare e servire a piacere…

BUON APPETITO!